Home Bici Comunicato su Biciplan e Via Verde

Comunicato su Biciplan e Via Verde

112
0

La FIAB VASTO CittàAttiva plaude all’approvazione del BiciPlan da parte del Consiglio Comunale di Vasto, condividendone la linea di pianificazione.

Ben fatto! Invitiamo l’Amministrazione a rendere consultabili dal sito istituzionale del Comune, le tavole di progetto e di prospetto e la relazione tecnica del BiciPlan che al momento non risultano consultabili al pubblico, anche perché rappresenta una rivoluzione la cui divulgazione farà solo bene alla vita di questo strumento di Pianificazione.

Troviamo positivo infatti che il BiciPlan ha visto un solo voto negativo, registrando quindi anche tra chi si è astenuto la bontà di fondo del progetto.L’invito quindi è rivolto a coloro che si candidano ad amministrare Vasto chiedendo a tutti di manifestare nei propri programmi elettorali il compimento dei progetti previsti nel BiciPlan.

All’Amministrazione attuale chiediamo anche di portare a compimento senza ulteriore perdita di tempo, la realizzazione della Rete ciclabile transitoria che ha visto tutti i passaggi amministrativi già compiuti.E’ ormai evidente la trasformazione del territorio e la crescita esponenziale della cultura ciclistica urbana come anche quella cicloturistica.

Se l’Amministrazione Comunale ha buttato le basi con questo provvedimento, la Provincia sta ritardando la realizzazione della VIA VERDE in maniera grottesca e ingiustificabile. Con una stagione turistica alle porte che proprio per le restrizioni del Covid, potrebbe trovare nell’apertura della VIA VERDE, nella sua interezza, un servizio sostenibile e nel rispetto del distanziamento sociale.

A farne le spese della diatriba tra Impresa esecutrice e Provincia sono i cittadini e tutte le opportunità annesse e connesse al cicloturismo.
Le Amministrazioni comunali della costa teatina facciano fronte unico per difendere la via verde da un abbandono precoce, noi ci saremo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui